Voglio aprire, prima di parlare di cose davvero importanti, una parentesi:

Si chiama Karma.
Non è incoerenza delle persone, non è cattiveria della gente, non è che tu sei una povera stella persa nell’infinito della bontà.
Sei solo convinta che davvero ciò che hai dentro sia bontà e sofferenza, in realtà è tutt’altro, coglioncella, e questo è tutto.
Ma visto che detto così sommariamente sembro cattivo, ( e mi domando perchè ancora ogni tanto vado a leggere le stronzate che scrivi nel tuo blog ).
Se il tuo ex (e specifichiamo, che mentre lui non sapeva ancora di esserlo tu già troieggiavi in giro) è andato in un viaggio in inghilterra che lui si è pagato (ed aveva pagato anche a te) per non sprecare dei soldi e ci è andato con una sua amica, che male ha fatto? sentiamo.
No perchè, parli di incoerenza, di sofferenza lancinante nel pensarlo fuori con una sua amica in giro: pensa lui quando sapeva che eri con me, con il tuo nuovo “principe della notte” (no vabbè, mi rotolo), o magari con gli altri 5-6 con cui hai alleviato le tue sofferenze d’amore, zoccolando in giro. (Si di questo si tratta, unicamente di questo.)
E il come faresti a fidarti delle persone è una cosa che soggettivamente devi decidere tu anche in base a come ti comporti, perchè non è che il tuo stato emotivo deve giustificare ogni cazzo che fai.
Impara a fare qualcosa, qualcosa di serio della tua vita, anche facendoti aiutare eh, ma deciditi a farlo. In questo momento sei solo uno dei peggiori parassiti che esistano.
Ed io, coglione, che ho provato seriamente ad aiutarti. Massì, dai, “siamo tutti cattivi”.
C’è sempre tempo per svegliarsi però, dai.

MA! Parliamo di cose serie ora 🙂

Un’altro Goal (in realtà due) sono stati raggiunti 92.8KG (quindi siamo a -17KG dall’inizio di questo tortuoso processo di palestra-dieta-palestra-bestemmie-palestra) iniziato 2 mesi e 2 giorni fa.
Contrariamente alle mie più rosee aspettative, sto mettendo su veramente bene i muscoli delle braccia e delle gambe, la pancia è quel che è, ma a circa 88KG andrò di operazione per metterla a posto 🙂
Il tatuaggio è andato avanti, stupido o no: la fenice è ciò che rispecchia più di tutto ciò che sento di essere ora.
Non per il peso, ma per ciò che sento dentro.
Io non andrò avanti perchè devo piacere a qualcuno, non andrò avanti e sarò carino con tutti perchè la società me lo impone, andrò avanti perchè le porte da aprire che delineano e identificano i miei obbiettivi, non solo le aprirò, ma le sfonderò proprio.
Ci sono i momenti in cui pensi di lasciar stare tutto, ma poi focalizzo l’immagine di me stesso, di ciò che ho fatto per arrivare dove sono:
Delle difficoltà, dei sette anni di lavoro per godermi ciò che ho sudato in modi moralmente accettabili o meno da qualcuno, ma sudato.
I cambi sul mio carattere, a volte giusti, a volte sbagliati.
Le persone passate, le esperienze vissute, le lezioni di vita apprese coi pugni sui denti,
I soldi così duramente guadagnati e spesso sprecati (altre lezioni :D) ma pur sempre lavorati.
Aver imparato a mettere da parte l’odio verso me stesso così imposto da parte di mio padre.
Aver comprato una casa, avere la mia lupetta, essere orgoglioso di ciò che sono: questo è ciò che sono.
Sono anche tanto altro: un brutto carattere, una fronte sporgente, caotico, spesso psicopatico; ma nel complesso so di poter dare molto a chiunque sia pronto a ricevere da me e io ora sono pronto a ricevere: consigli, abbracci e perchè no: critiche. (ricordiamoci però che ho un brutto carattere).

Stavo per comprarmi la Tesla. Ma proprio mentre ero lì per firmare, ho dato ascolto ad amici e buonsenso, per ora non è il caso. Prenderò quella economica in produzione il prossimo anno. Per ora va bene questa BMW che mi accompagna con piacere in tutti i miei viaggi.

Ho ripreso a giocare a D&D, abbiamo fatto quattro sessioni, ne salteremo una purtroppo perchè.. stasera parto in Thailandia con Fabio 🙂
Un amico ed un partner in affari che, inaspettatamente, mi ispira molta fiducia e anche un senso di apprendimento verso certi attegiamenti di pazienza e scrupolo verso il lavoro e le persone che mi ci voleva proprio.

Io sono fiero di ciò che sono.
Ho raggiunto dei traguardi che difficilmente si raggiungono senza sforzi e ingegno, e di questo voglio darmi merito;
Imparerò e dovrò imparare tanto da tutti, sopratutto a livello umano, ma è proprio a questo che serve la vita: imparare, soffrire, amare, pensare e a volte ritornare sui propri passi.

Ed ora più che mai vorrei abbracciare e dire a tutti miei amici che sono più di dieci anni che gli voglio bene come se fosse la prima volta che giocammo a D&D insieme.

Qualunque difficoltà arriverà, non mi fermerà.
Ci rivediamo il 16 Luglio, ora la Thailandia mi aspetta 😉

    Angelo

I giorni si susseguono uno dopo l’altro, in questo caldo inizio d’estate.
Presto ci saranno le ferie, ci sarà quel piccolo e meritato momento di riposo.

Certo, delle ferie le ho già fatte, che mi sia riposato o che me le sia godute: no, proprio no.
Si continua in palestra, oramai più di un mese e qualche giorno che vado everyday.
Niente di esagerato, ma la mia resistenza fisica e il fiato ne hanno giovato veramente tantissimo;
Ho iniziato pesi giusto due giorni fa, ma li farò solamente 3 volte a settimana, che non voglio i prosciutti nelle braccia 😀
Il tatuaggio comincia a riformare la pelle e quindi a buttare via quella “morta” durante la sua stilatura 🙂 una sensazione a cui ormai sono abituato.
L’idea iniziale era un drago ed una fenice giapponese, rappresentanti l’uno in passato, e l’altra il futuro.
Mi sembrava però stupido rappresentare il passato, e poi rappresentarlo sommariamente non avrebbe reso giustizia al cammino percorso fino ad ora.
Perciò, solo la fenice.

Ieri grigliata a casa mia, e poi D&D fino a tardi.
Il lunedì ormai è il giorno prefissato, e non posso che sorridere ripensando a quando invece, ogni sabato, e quasi ogni giorno d’estate, ci ritrovavamo per seguire la campagna di Andre 🙂
Certo, le cose sono cambiate; si è passati da quel periodo in cui non ci si preoccupa del futuro e si vive con la spensieratezza di chi vive alla giornata, tra computer, giochi di ruolo e uscite di ogni genere.
Non posso però dire che nemmeno che siano brutti questi cambiamenti perchè la consapevolezza di ciò che si è, la maturità e l’immaturità che ti rendi conto di avere quando sei tu stesso a reggere i fili che delineano la tua strada, è in un qual senso appagante.

Per l’enneatipo di Gurdjieff sarei un Marziale -> Giovale -> Lunare (ormai quasi solo Lunare)
Mi son messo in testa da un mese a questa parte, che invece voglio tornare ad avere il lato marziale.

Ed era da un po’ di tempo che non ascoltavo della musica country.
“Periodo Punk”
Perchè il punk è quello che ti motiva, perchè quelle melodie così “incazzose” e “adolescenziali” ti danno la carica (di fatto è vero, almeno per me).
Ma ieri sera mi sono soffermato un po’ a riascoltare Toby Keith ed alcune canzoni che mi riportavano al 2011 quando lavoravo a Campogalliano, con Carmine, Nadia, Raimondi e tutti gli altri della Porrini.
Bellissimi tempi, spensierati, poveri di “soldi” e ricchi di “problemi” e montagne da dover scalare per poter arrivare al giorno dopo.
Eppure, tutti affrontati col sorriso.
Ecco come ho deciso di affrontare le cose d’ora in avanti, col sorriso, ma la risolutezza di chi va avanti a muso duro verso i propri obbiettivi.

Sto facendo quello che avrei dovuto fare qualche mese fa.
Concentrarmi su me stesso, star bene.
Certo, c’è sempre qualche compromesso, forse necessario, forse no.
Ma ho la carica giusta per sfondare tutti i muri, le porte, i portoni e ciò che si mette davanti al mio obbiettivo.

Puoi sognare di chiamarmi, puoi “pensare” di essere serena, ma quello che hai fatto è stata una delle cose più di merda che mi potessi aspettare in vita mia.
Molto più di qualunque altra cosa.
E sul baratro non ci ritorno.

Cambiare me stesso, la base di una nuova partenza.
La mia costanza è “leggendaria” solo per cose sbagliate (eh vabbè), chissà se questa volta riesco a dimostrare prima di tutto a me stesso, che quello che sono è sufficente a farmi camminare a testa alta.
E sono ad oggi veramente tranquillo, perchè se avevo un dubbio ora non lo ho più, ora ho capito.
Perchè se fossi dall’altra parte avrei alzato i piedi, e avrei preso il primo treno,bus,aeronavicella spaziale, per chiarire che tutti i miei film non erano film.
Ma così non è stato, e quindi, perchè cruciarsi (ora sopratutto)?
Ora capisco molto bene, l’importanza che ti si viene data, per esempio, se la mia ex sapesse che son stato così (cosa che le ho detto di recente), si sarebbe FIONDATA (cosa che voleva fare), a vedere come stavo. Paradossalmente lo stava pure per fare una tipa a caso di mantova che conosco per passioni musicali comuni.
Quindi, sai cosa? chi ci ha perso sei tu.
Io sono molto meglio.
E ringraziamo il nostro buon santo che non mi interessa dimostrarti in altri modi, meno carini, quanto tu non sia stata corretta a farmi star di merda h24 in un viaggio.

Sto cominciando a capire l’importanza -quella reale- delle persone.
Be strong.

Ho deciso di bucarmi l’orecchio, qualcuno diceva che si bucava l’orecchio ogni volta che succedeva un evento importante nella sua vita o conosceva qualcuno di cui valesse la pena averne sempre un ricordo.
Bene, io mi son bucato l’orecchio a testimonianza per me stesso che questa volta c’è un punto definitivo.

Questa sera proprio all’insegna dello “svago”
Una singola birra alla ciliegia (giusto per capire come fosse, e onestamente sembrava di bere del vino -bleh-) ed oggi niente ubriacatura :D.
Poi a giocare al computer con due amici
[per intenderci quelli con cui ho fatto la famosa “palestra”, la vecchia teca del serpente e con cui nerdavo tempo addietro, recuperati di recente.]
Siamo andati in un pub meraviglioserrimo: La terra di mezzo,
Praticamente una sorta di locale rustico, pieno di ornamenti strani, tavoli nerd, e l’oste.
L’oste è un personaggio che potrebbe incarnare benissimo il classico “Tedesco” vestito con canotta bianca, bretelle e pantaloni verdi, capelli rossi e con la birra in mano. (ma è tedesco o irlandese? o sant’iddio).
Abbiamo ordinato da un menù con tipo 150 tipi di birra, e poi un bel “fritto misto” da dividerci in tre.
Mi sono divertito, fino a quando mi ha preso l’allergia a qualcosa e siamo dovuti uscire #MAIUNAGIOIA mi è venuto prurito ovunque e da starnutire, e onestamente quel posto era caldissimo.
Però dentro è veramente stupendo, un ambiente tra il nerd, la classica birreria e un luogo di ritrovo.
Una sorta di “La scala” come clima, “Neverland” come ambiente, ma mischiato ad una birreria con tavoli e pareti in legno e bottiglie di birra ovunque.
Una sorta di piccola anticamera prima del salone coi tavoli lascia scorrere una vetrata ribassata dove ci sono altre birre e fusti esposti illuminati da un neon blu.
Veramente carina.
Tra poco dormo che domani ho la “parrucchiera” e devo fare un cambio di “acconciatura” (perchè sto usando tutte queste virgolette?)

Comunque le persone su cui posso contare sono sempre le stesse da sempre, (forse alcune in più, forse altre in meno), ma sono la mia “salvezza”, per quanto io ce la metta tutta per combinare guai da quando avevo 16 anni, ci sono sempre.
Quelle che ci sono e che mi dicono le cose in faccia, per quanto a me certe volte non piaccia sentirmele dire.
Però gli voglio bene proprio perchè desiderano solo il mio bene.
Chiunque tiene a qualcun altro veramente in caso di problemi muove il culo e dice le cose come stanno.

Sapete cosa?
Il mio periodo emo finisce, quì ed ora.
Mi sono frantumato i coglioni.
Frantumato i coglioni di dover giustificare cose a tutti, e di dover stare sempre a pensare a perchè cristo la gente si faccia i cazzi suoi sapendo che gli altri stanno male.
“Ehi, il mio motto è: se sta male qualcuno sto male anche io”

Quindi, onestamente, io ho fatto TUTTO ciò che dovevo, potevo e anche di più.
Dunque, sarò sembrato: ridicolo, patetico e coglione (così hanno detto i miei amici) ma l’ho fatto col cuore, e questo mi basta a giustificare le tre cose.

Però insomma, bisogna che la gente capisca che c’è un limite, e quel limite non è dato solo dal buon senso, dalla coerenza o dalle azioni che hanno sempre una conseguenza da una parte o dall’altra.
Quindi, visto che io l’ho capito (e non mi sembra che nessuno dall’altra parte sia venuto di corsa a vedere come stavo, fatta eccezione per gli amici di sempre), per ora considero la faccenda chiusa.

Sarà veramente difficile e doloroso vederla chiusa e con indifferenza dopo questo dolore, ma d’altra parte, ne ho di cose a cui pensare.
Pure troppe.

Per quanta logica, senso, e sapendo quanto bene mi vogliano i miei amici io, continuo semplicemente ad addolorarmi.
Secondo me non è affatto una questione di soldi, da fuori può sembrare, ma io sono certo che non sia così.
Ma conoscendo i fatti, direi che sono sempre stato io a riproporre tutto, direi che per quello non è mai stata interessata al denaro.
Poi certo, ognuno tira le sue somme, chi è coinvolto, chi no, chi la vede in un modo e chi in un altro.
Certo è molto più logico pensare che, solitamente, se qualcuno ci tiene davvero e sa di una condizione così critica, si fionderebbe anche solo a vedere come sta l’altra persona così importante.
Io l’ho sempre fatto, SEMPRE.
Ma forse, non è nemmeno questo il caso.
Io ho una prospettiva che è diversa da quella degli altri, e certamente, diversa dalla tua.
Ma il fatto che tu con la testa fossi altrove, è un dato di fatto, così come io potessi essere imbronciato ad un certo punto, o cupo in altri.
E’ tutto ovviamente relativo, forse pure marginale, rispetto ai fatti.
Comunque mi passerà anche questa, come sempre d’altra parte.

Non posso dare torto ai miei amici, ma non voglio nemmeno dargli ragione, dico solo che la mia prospettiva è invariata.
Questa volta aspetto, e aspetto che se è vero ciò che si è sempre detto riguardo l’importanza, non sia sempre io quello a dover fare qualcosa.

Il sonno non arriva, quello che arriva sono solamente pensieri sconnessi.
Ciò che davvero mi lascia senza parole, è che avrei voluto almeno che mi si fosse chiesto “Ehi, come stai?”
Dopotutto, chi sono io per pretendere tali riguardi?

Edit: too late eh. abbiamo troppo da fare.